L’inverno è la stagione del riposo per la maggior parte dei motociclisti. Non per tutti, beninteso, perché alcuni di loro non disdegnano di affrontare condizioni metereologiche difficili e le insidie del manto stradale sdrucciolevole, pur di non rinunciare a viaggiare in sella alla loro compagna del cuore. Altri, ancora più temerari, si preparano con entusiasmo per i pochi, ma caratteristici, raduni invernali, come L’Elefantentreffen, il motoraduno invernale più famoso, più freddo e più folle d’Europa. Questo raduno si svolge ogni anno in Germania, vicino alla Repubblica Ceca, nella foresta bavarese, a cavallo tra gennaio e febbraio, quando il termometro oscilla tra i 27° gradi sotto lo 0 e pochi gradi al di sopra. Le condizioni metereologiche sono quasi proibitive, perfino quando c’è il sole. Figuriamoci con neve, ghiaccio, pioggia! Come si dice, per molti ma non per tutti…

I comuni mortali, tra i motociclisti, preferiscono lasciare a riposo la loro motocicletta, e magari occuparsi della sua manutenzione, in modo da averla perfetta e pimpante quando la bella stagione si riaprirà. E’il periodo ideale per concedersi… anzi, concederle, un bel check-up completo, come quello offerto da Royal Enfield a chi guida i suoi modelli con la campagna “Check-up invernale” di cui abbiamo già parlato in un articolo precedente.

In generale, a prescindere dalla moto che guidate, ci sono degli accorgimenti che è meglio seguire per evitare di ritrovarvi a primavera a dover fare i conti con danni causati dal freddo e dalla lunga inattività.

Prima di tutto mandate la vostra moto in letargo con la pancia piena, ovvero, fatele un bel pieno di carburante. Questo impedirà la formazione di condensa nel serbatoio e manterrà quest’ultimo e le tubazioni liberi da depositi.

Un altro trucco molto utile per preservare la vostra moto è staccare la batteria. Proprio così. Inutile, anzi, dannoso, scendere ogni tanto in garage a metterla in moto, illudendosi di evitare che la batteria si scarichi. Si rischia di fare peggio. Molto meglio staccare i poli e lasciarla tranquilla fino al momento di rimettersi in pista.

Freddo e inattività sono nemici anche dei nostri pneumatici. Evitate di lasciare la moto sul cavalletto per mesi, il rischio è che i pneumatici si deformino. Se possibile usate due cavalletti, uno per ogni ruota, in modo da poter bilanciare meglio il peso.

Che altro?

Sembra assurdo, ma anche l’igiene è importante. Prima di mettere a dormire la vostra moto, lavatela accuratamente, asciugatela con un panno morbido e provvedete a lubrificare la catena e le altre pari che necessitano l’ingrassaggio. A questo punto potete avvolgerla con un bel telo coprente fatto apposta per proteggerla dal freddo e dall’umidità.

O, come fanno alcuni irriducibili, portatevela in casa 😉

foto dalla Rete