Lo sappiamo, è un peccato non poter approfittare di queste splendide giornate, di questa primavera precoce per tirare fuori la nostra moto, darle una bella spolverata, e, dopo i controlli di rito, inforcarla per andare a fare il primo giro della nuova stagione, magari sulle colline, o giù, fino al mare.

Non si può fare nulla di tutto ciò.

Non si può e non si deve, per una questione di senso civico, perché siamo tutti uniti nel tentativo di arginare un problema grave, che esige che ciascuno faccia la propria parte.

Parliamo dell’epidemia di coronavirus, naturalmente.

E non dobbiamo pensare che il nostro giro in moto rappresenti in sé una mancanza di rispetto per le problematiche del paese. Sono le conseguenze che potrebbero rappresentare un problema. Se dovessi cadere, se avessimo bisogno di andare in ospedale, anche per una ferita banale, beh, questo non è davvero un buon momento per correre rischi e per farne correre agli altri.

Dunque restiamo a casa, come continuano a ripeterci, ma questo non vuol dire che dobbiamo dimenticarci della nostra moto fino a quando questa emergenza non sarà rientrata.

Anzi, approfittiamo del bel tempo per pregustare ancora di più tutto quello che potremo fare, presto, molto presto.

A casa, magari senza dover lavorare, potrebbe essere il momento giusto per pianificare nei dettagli quel giro in moto che vogliamo fare da tanto, ma non c’è mai tempo per organizzare. Viaggiare con la fantasia non è pericoloso e ci permetterà di essere pronti quando il momento lo consentirà. Mettiamoci davanti al pc e cominciamo a considerare gli itinerari più o meno noti per i motociclisti, a cominciare dai Passi e dai favolosi tornanti dell’Appennino Tosco-Romagnolo, per chi vive dalle nostre parti. Ci sono moltissimi siti che possono fornirvi informazioni, soprattutto grazie alle testimonianze di chi ha già percorso quelle strade prima di noi e ha voluto condividere le proprie esperienze.

Che altro possiamo fare? Naturalmente prenderci cura della nostra moto.

In un articolo pubblicato lo scorso autunno abbiamo ricordato quali interventi di manutenzione è buona norma fare prima di mettere la moto a riposo. Se siete stati bravi e avete effettuato un Check-up invernale completo non dovreste avere sorprese.

Che altro?

Beh, visto che fa abbastanza caldo per lavorare in garage, ma non potete andare in giro, perché non approfittare di queste settimane per una modifica alla vostra moto? Fatele un regalo e fatelo a voi stessi, approfittando dei tanti accessori disponibili on line, per renderla unica, inimitabile, vostra.

E poi dovremo solo aspettare e la strada sarà nostra!